scientifico | scienze applicate | sportivo | classico | linguistico | scienze umane

Olimpiadi della cultura e del talento

Una delle otto squadre del Liceo si è classificata al primo posto

nella semifinale macroregionale del prestigioso concorso.

Significativi piazzamenti per le altre squadre.

 

Venerdì 8 marzo, presso l’Aula Magna “Giovanni Agnelli” del Politecnico di Torino, si è svolta la semifinale macroregionale “Area nord” delle Olimpiadi della Cultura e del Talento, la competizione nazionale di cultura generale, giunta quest’anno alla X edizione, alla quale gli studenti del Liceo “Amaldi” hanno aderito con entusiasmo con ben sedici squadre: otto di esse hanno superato nel dicembre scorso la selezione interna, denominata “Giochi di Galileo”, ottenendo la qualificazione alla semifinale torinese.

Si è trattato di una prova molto impegnativa, nella quale i sei concorrenti di ciascuna squadra dovevano cimentarsi in una delle sei materie previste dal concorso: cultura musicale, educazione civica (comprendente istituzioni e attualità italiana e internazionale), letteratura italiana e internazionale (prova sostenuta in lingua inglese), scienza, storia e geografia, storia dell’arte. Alla semifinale hanno partecipato oltre 170 squadre, provenienti da istituti di tutto il nord Italia: le prime dieci sono state selezionate per la finale nazionale, che si disputerà all’inizio di maggio nel comune di Tolfa (RM).

Olimpiadi cultura2

I piazzamenti ottenuti dal Liceo Amaldi sono stati ancora una volta di grande rilievo: la squadra denominata The village people, composta da Alberto Coscia, Davide Demicheli, Leonardo Pagella, Edoardo Repetto (4B Liceo scientifico), Ilaria Gian, Elena Silvestri (V Liceo classico), si è classificata prima assoluta; a questo risultato straordinario vanno aggiunti l’undicesimo e il tredicesimo posto ottenuti dalle squadre I culturisti e Deku, composte rispettivamente da Ermanno Fiorillo, Alessandro Allegro, Matteo Traverso, Federico Ghiglione, Luca Rinaldi, Pietro Rosa (5B Liceo scientifico) e da Samuele Carrea, Alice Magenta, Michela Persi, Mirco Romanelli, Rajae Zoukh (4I Liceo delle scienze applicate), quest’ultima tra l’altro penalizzata dall’assenza per motivi di salute di una loro compagna; erano infatti ammesse un massimo di due assenze per squadra, con una penalizzazione rispettivamente di 10 e 20 punti. Di tutto rilievo anche i piazzamenti, tutti nella zona medio-alta della classifica generale, delle altre squadre: Casu nati, composta da Umberto Simonassi (III Liceo classico), Gabriele Bonini, Giuliano Coco, Tommaso Orione, Sofia Pedemonte (IV Liceo classico); I compassi, composta da Matteo Vignoli (3B Liceo scientifico), Giacomo Bidone, Luisa Falcione, Simone Vallacco (3E Liceo linguistico), Alessandro Bruzzone (III Liceo classico), Francesco Caccia (IV Liceo classico); Tuttocuore, composta da Marco Fossati, David Bogosavljevic, Silvia Lanzavecchia, Matteo Petrucci, Pietro Rapetti, Francesco Romagnano (4B Liceo scientifico); Para bellum, composta da Cecilia Coscia, Luca Stringhi (1E Liceo linguistico), Alessia Ripamonti, Ariana Sava (2E Liceo linguistico), Elia Lubangula, Damiano Pistone (2B Liceo scientifico); Hoi deinoi, composta da Matilde Repetto (2B Liceo scientifico), Fabiola Bava, Giovanni Forlini, Carolina Mignanego, Eugenio Vecchione (II Liceo classico).

Una grande soddisfazione per i docenti referenti Giovanni Caccia e Patrizia Fava, che hanno scommesso su quest’iniziativa, coadiuvati dalla preziosa collaborazione di Debora Bergaglio, e che accompagneranno la squadra vincitrice alla finale nazionale, con la speranza che in caso di rinuncia venga ripescata almeno una delle due squadre rimaste escluse per pochissimi punti.

Olimpiadi cultura1


Pubblicata il 11 marzo 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.