scientifico | scienze applicate | sportivo | classico | linguistico | scienze umane

Attività di accoglienza

Mercoledì 25 Settembre 2019 le classi prime di alcuni indirizzi del Liceo “Amaldi” si sono recate a Bobbio, comune italiano situato in val Trebbia, in Emilia-Romagna. Questo piccolo borgo deve molto alla presenza del fiume, che dà il nome all’omonima valle descritta da Hemingway come “La più bella del mondo”.

Gli alunni hanno avuto modo di visitarne i monumenti principali con la guida dell’ex Dirigente del nostro Liceo, prof. Giampaolo Bovone.

Bobbio è ritenuta da molti, data la sua antica storia, uno dei principali centri religiosi della nostra penisola: ne è la prova la presenza della millenaria Abbazia di San Colombano. 

Accoglienza 19

Il 25 Settembre, però, è stata anche una preziosa e bella occasione di incontri. Il successo di questa iniziativa si deve soprattutto al fatto che ognuno di noi è venuto a contatto con una realtà diversa dal solito, scambiando opinioni da punti di vista nuovi, stravaganti e, forse, incomprensibili. In questi momenti si capisce quanto è strana la vita, quanto è particolare, quanto è gioiosa, senza un motivo apparente.

Possiamo dire, inoltre, che la conoscenza, “verità ottenuta per mezzo della comprensione dell’esperienza”, può rendere in ogni modo felice l’Uomo, può renderlo appagato, rassicurato, consapevole di non essere solo, consapevole di essere unico.

J.D. Salinger nel suo libro più famoso, “Il giovane Holden”, descrive i cambiamenti della personalità, che possono avvenire, anche, in pochissimo tempo. L’autore prende come esempio un museo, qualcosa che ci appare statico, ma si dimostra ogni volta mutato: ”La cosa migliore di quel museo era però che tutto stava allo stesso posto. Nessuno era mai diverso. L’unico a essere diverso eri tu. Non è che fossi molto più grande o nulla di simile. Era solo che eri diverso, ecco tutto”.

Questa riflessione mi spinge a pensare che sarebbe bello rivivere la stessa esperienza magari alla fine del percorso scolastico, per misurare il nostro cambiamento, nella permanenza di luoghi e persone. 

Per questa motivazione e per le altre elencate in precedenza, credo che sarebbe interessante e giusto continuare a proporre attività di accoglienza con tutti i ragazzi delle prime che verranno. 

Elena Massa (1^ ACL)

Accoglienza 19-2

La camminata ad Arenzano

Accoglienza 19-3

La camminata a Masone


Pubblicata il 09 ottobre 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.