scientifico | scienze applicate | sportivo | classico | linguistico | scienze umane

Perchè la Cina?

La lingua e la cultura cinese arrivano al liceo Amaldi di Novi

Attivati corsi extracurricolari e un ciclo di conferenze per formare docenti e alunni

 

Da quest’anno al Liceo “E. Amaldi” di Novi Ligure si parlerà anche cinese. Sono, infatti, iniziati nelle settimane scorse i corsi extracurricolari di lingua e civiltà cinese, tenuti dal prof. Fabio Lavagno. Le lezioni, prevedono incontri pomeridiani di due ore la settimana e hanno da subito riscontrato un ottimo successo da parte di famiglie e alunni: “Abbiamo dovuto formare due classi, da circa venti alunni ciascuna, per soddisfare tutte le richieste che ci sono pervenute dalle famiglie. Abbiamo deciso di dare priorità a chi frequenta l’indirizzo linguistico, ma le adesioni sono poi arrivate da tutti gli indirizzi e da tutte le classi, biennio e triennio”, spiega la prof.ssa Nicoletta Zanghì, docente coordinatore dell’indirizzo Linguistico.

L’idea di attivare corsi di lingua cinese era partita già con la dirigenza del prof. Giampaolo Bovone e si è rapidamente concretizzata all’inizio dell’anno con il nuovo dirigente scolastico, il prof. Michele Maranzana, il quale ha da subito creduto nel progetto: “L’obiettivo è di ampliare l’offerta formativa del nostro Liceo, cercando di andare maggiormente incontro alle esigenze del mercato del lavoro e della società che evolve, fornendo agli alunni strumenti nuovi e conoscenze per affrontare cambiamenti epocali. Stiamo pensando ai corsi di lingua cinese in un’ottica continuativa e non solo come una sperimentazione di quest’anno. Sono già numerose le richieste che ci sono arrivate da famiglie che intendono iscrivere i propri figli al Liceo Amaldi il prossimo anno e che chiedono specificatamente la presenza delle lingue orientali nei nostri piani di studio”.

Il Liceo Amaldi presenterà i suoi indirizzi e la nuova offerta formativa durante la giornata di sabato 14 dicembre, in occasione dell’Open Day che si terrà presso la sede centrale di via Mameli, 9, dalle ore 9 alle 18. Durante quell’occasione si parlerà anche dei nuovi corsi di lingua e cultura cinese, che potranno significare nuove opportunità di iscrizioni per la scuola. Il liceo novese è una tra le poche scuole della provincia a proporre l’insegnamento della lingua cinese. In Piemonte, però, il fenomeno si sta rapidamente diffondendo, così come nel resto d’Italia (secondo dati Ipsos-Intercultura sono circa 300 gli istituti coinvolti, di cui una quindicina in Piemonte). La crescente importanza della lingua cinese a scuola è testimoniata anche dalla decisione del Ministero dell’Istruzione di istituire, nel 2016, una nuova classe di concorso appositamente riservata al reclutamento di insegnanti di “lingua e civiltà cinese” (AI/24).

L’attivazione dei corsi extracurricolari non esaurisce, però, l’ambizioso progetto che il Liceo Amaldi intende avviare sul tema. Abbinato alle lezioni, partirà a dicembre un ciclo di conferenze di carattere socio-politico e culturale che avrà lo scopo di far dialogare differenti discipline: si tratta di quattro incontri (programma in allegato) che si terranno il giovedì alle ore 14.30, che si concluderanno a febbraio e che saranno aperti ad alunni e docenti (anche esterni all’Amaldi). Il tema sarà quello della “crisi del modello democratico occidentale e dell’ascesa della potenza cinese”. I relatori saranno la prof.ssa Maria Elisabetta Lanzone, docente di Sociologia della Politica all’Università di Padova, nonché ex alunna del liceo novese, oltre che lo stesso prof. Lavagno. I temi affrontati spazieranno dal rapporto tra sviluppo e democrazia, al ruolo della Cina nell’era di Xi Jinping, passando per le relazioni geo-politiche tra Oriente e Occidente, senza dimenticare l’importanza della storia, della cultura e delle tradizioni della Cina confuciana. “Crediamo che per approcciarsi a una cultura ‘altra’ non basti conoscere la lingua, ma servano anche strumenti di carattere sociologico che mettano in condizioni di comprendere le ragioni profonde che oggi ci portano a ritenere la Cina così importante. Inoltre, ci piace molto l’idea di collaborare con il mondo dell’università e di formare, nella stessa sede, docenti e alunni. Pensiamo che lo scambio possa essere costruttivo da entrambe le parti: i docenti devono essere attrezzati ad affrontare i cambiamenti attraverso nuove conoscenze, anche di educazione alla cittadinanza, da sviluppare insieme ai propri alunni. Le conferenze saranno quindi certificate come corso di aggiornamento per docenti e come percorso di approfondimento (crediti formativi) per gli alunni del triennio, ma resteranno aperte anche alla cittadinanza”, spiegano i proff. Angelo Marco Rossi e Michela Ziccardi, rispettivamente coordinatore del Dipartimento Storia, Filosofia e Scienze Umane e referente per la Formazione.

L’intero progetto sarà presentato durante un’iniziativa pubblica, dal titolo “Perché la Cina? Tra scuola e lavoro: una lingua e una cultura per orientarsi al mondo”, che si terrà mercoledì 13 novembre, alle ore 17.30, presso lo spazio conferenze del Museo dei Campionissimi.

All’incontro prenderanno parte, oltre al dirigente scolastico, e ai docenti interni che si sono occupati del progetto (Rossi, Zanghì e Ziccardi), il prof. Lavagno, in qualità di docente del corso di lingua cinese e la prof.ssa Lanzone, come relatrice del corso di formazione. Durante la serata verranno fornite informazioni sull’insegnamento della lingua cinese nelle scuole superiori e saranno presentati nel dettaglio i temi affrontati nel ciclo di conferenze sul ruolo della Cina contemporanea. Inoltre, saranno inviate a partecipare le istituzioni locali, le associazioni e le aziende che operano sul territorio: “Sono ormai molte le realtà che hanno a che fare con la Cina per motivi di affari, commercio e/o turismo. Crediamo che con loro si possa avviare un dialogo per collaborazioni future, per esempio, per attivare i cosiddetti percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento (PCTO – ex Alternanza Scuola- Lavoro) o partnership per proporre altri progetti di formazione in grado di far dialogare più soggetti (alunni, docenti, famiglie, territorio e mondo del lavoro)”, conclude il dirigente Maranzana.

Corso cinese

Da sinistra verso destra: i proff. Angelo Marco Rossi, Fabio Lavagno,

Michele Maranzana,  Maria Elisabetta Lanzone, Michela Ziccardi


Pubblicata il 04 novembre 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.