scientifico | scienze applicate | sportivo | classico | linguistico | scienze umane

Al servizio del Bene

I terreni più fertili sono quei solchi che formano le nostre ferite.

Lì crescono i fiori più puri e colorati.

Lì nascono inaspettati campi di saggezza.

Naturalmente tutti ci auguriamo che quanto sostiene Fabrizio Caramagna non solo sia vero, ma si possa realizzare, ma sappiamo anche che non sempre le ferite dopo aver smesso di sanguinare si illuminano. Spesso anzi capita di restarne prigionieri.

Il Covid ha lasciato in ognuno di noi, così come nella intera comunità-mondo, delle lesioni più o meno profonde: la sfida è, ora che il peggio sembra essere passato, saperne fare buon uso, attraversare il nostro ed altrui dolore per farne qualcosa di buono.

Una preziosa lezione in tal senso ci viene dal kintsugi, letteralmente “riparare con l’oro”: i giapponesi ci insegnano che un oggetto rotto non va buttato, ma ricostruito esaltandone le fratture appunto con l’oro. E’ un’arte difficile, richiede una grande abilità è un’infinita pazienza, ma dona dignità e nuova luce a tutto ciò che sembrava compromesso o perduto.

La Croce Rossa già nel suo atto fondativo incarna pienamente questo spirito, avendo trasformato l’orribile massacro della battaglia di Solferino in un prezioso e duraturo esercizio di Umanità, declinato nelle sue più svariate forme.

Una di queste è stato il supporto tecnico che i volontari del comitato di Novi Ligure hanno garantito al liceo “Amaldi” per l’intera durata degli Esami di Stato, a partire dal 17 giugno, e per tutto il periodo delle iscrizioni alle classi prime, fino al 3 luglio. La presenza quotidiana di un milite (due, durante gli esami, uno anche per la sede di Viale Saffi) ha sicuramente garantito la certezza di un eventuale immediato e qualificato soccorso in caso di necessità, essendo così di grande aiuto a tutto il personale della scuola impegnato nel rispetto delle norme di sicurezza a tutela della salute collettiva. Ma non è stato solo questo. Vedere un milite nell’atrio del nostro Istituto è servito a ricordare a tutti quelli che nella scuola lavorano, dalla scuola sono usciti dopo cinque anni di studi, o nella scuola entrano per una nuova avventura nel Sapere, che ci sono persone capaci di mettersi al servizio del Bene, con serietà, costanza e discrezione, siano essi dirigenti, medici, autisti delle ambulanze, militi di lunga esperienza o giovani appena diplomati. Si è trattato di una testimonianza di altissimo valore educativo, il segno di come il Mondo possa e debba entrare nella scuola per raccontarsi nei suoi aspetti più nobili.

Dunque ci sei? Chiede Wislawa Szymborska ad un immaginario interlocutore in una delle sue più belle poesie. E così continua: Ascolta come mi batte forte il tuo cuore.

Per tutto questo e mille altre ragioni ancora il Liceo “Amaldi” tutto esprime il suo più sincero grazie alla Croce Rossa di Novi Ligure e al suo Direttore Marco Priano.

Prof.ssa Lucina Alice

Pubblicata il 08 luglio 2020

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.