scientifico | scienze applicate | sportivo | classico | linguistico | scienze umane

Divieto di tamponi e test sierologici a scuola

Gentili tutti, viene raccomandato a questa Dirigenza dagli Uffici scolastici regionali e territoriali di rammentare alle Famiglie che la Scuola non può né richiedere né fare effettuare test sierologici agli studenti. Nel merito si tiene a precisare che, a maggior ragione, questo vale per l'effettuazione di tamponi: non vi è alcuna norma nell'Ordinamento italiano che possa dare al Dirigente scolastico prerogative tali, proprie di altre Amministrazioni.

Ciò premesso, alcune riflessioni.

1)Il fatto che tale richiesta ci sia stata rivolta è l'indizio dell'esistenza di campagne e/o tamtam mediatici che hanno fatto temere agli Uffici un fraintendimento in via di diffusione fra i genitori.

2)Che questo stia avvenendo lo testimonia una raccomandata pervenutaci da un Genitore circa dieci giorni fa, in cui si ammoniva la Scuola di non effettuare o far effettuare i test di cui sopra.

3)Pare indubbio che simili episodi manifestino gli effetti di alcuni fattori:

-la prevalenza nella comunicazione pubblica di messaggi centrati sull'emozione anzichè il raziocinio, come slogan, dichiarazioni, narrazioni e così via;

-la tendenza diffusa a usare i social come principale fonte di informazione, privilegiando fonti coerenti con la propria visione del mondo, evitando raffronti e valutazioni critiche o qualsiasi ragionamento sull'autorevolezza e la fondatezza nei fatti di quanto vi è riportato;

-la diffusione di visioni del mondo incentrate su teorie complottistiche e la sfiducia verso le Istituzioni;

-il bisogno psicosociale diffuso di trovare bersagli su cui scaricare le emozioni di rabbia e paura che la situazione presente suscita in noi.

Mi sia permesso dire che questa Scuola agisce il suo rapporto con le Famiglie sulla base del rispetto, dell'ascolto e della fiducia, e che in questi mesi ha lavorato per ritornare ad accogliere Studenti e Docenti con tutte le misure di sicurezza possibili ma in primo luogo con rispetto, ascolto e fiducia: tre atteggiamenti che pratichiamo ma anche chiediamo alle Famiglie. Non sarà mai uso di questa Scuola contestare una condotta prima di aver chiesto, nel rispetto e nel dialogo, conferma e spiegazione della stessa, e altrettanto essa pretende dai suoi interlocutori.

Non resta dunque che rivolgere preghiera a tutti i Genitori di considerare fermamente che la tutela, il benessere e la crescita di ogni ragazza e ragazzo qui presente, come di ogni lavoratore, è prima cura di questa Istituzione, e non solo perchè la legge lo richiede, e di usare questo pensiero a fondamento della comunicazione reciproca.

Un cordiale saluto a tutti,

il Dirigente.

Pubblicata il 20 settembre 2020

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.